PROVE LIBERE

Lorenzo trova il set up giusto già nelle FP2 e segna il miglior tempo con più di 3 decimi di distacco da Iannone, (secondo). “Abbiamo iniziato bene già dalla mattina, ho girato veloce con parecchia facilità, è un buon segnale”.

Rossi fatica più del previsto nella prima giornata di prove. Il tempo trascorso per cercare il set up giusto non gli ha permesso di provare la nuova gomma 47. “Così non funziona”

Pedrosa insoddisfatto, ha fatto delle modifiche tecniche ma nel complesso non hanno funzionato. “Le modifiche fatte non han dato i risultati sperati”

Marquez Gioca in terra straniera perché Le Mans è un circuito amico per la Yamaha e meno per la Honda. A fine FP2 lo spagnolo ha registrato il terzo tempo ma il distacco è di quasi mezzo secondo: “Faremo fatica questo weekend”.

Dovizioso l’anteriore non è ancora perfetto ma i risultati di oggi (2° e 5°) sono una carica di fiducia.

Iannone soddisfatto dei risultati della prima giornata di prove di prove e il weekend di Jerez sono sempre più lontani “Sono abbastanza soddisfatto”

Petrucci sorprende prima di tutti se stesso riuscendo a girare in entrambi i turni senza accusare troppo dolore. Il ternano chiude le FP2 con l’11° posto e per essere al top domenica, prova a curarsi un composto a base di kiwi preparato dal responsabile dell’hospitality Alex Ghini.

 GOMMA 47 l’opinione dei piloti che l’hanno provata:

Promossa: Andrea Iannone ha notato il miglioramento soprattutto in accelerazione e in frenata; a Jorge Lorenzo ha risolto i problemi di slittamento che aveva sul rettilineo

Rimandata: Pedrosa e Marquez hanno notato un leggero miglioramento ma non è ancora la gomma che si aspettavano

Astenuti: Andrea Dovizioso l’ha provata per poco e ha trovato solo problemi; Valentino Rossi non ha avuto il tempo di provarla per niente

 MERCATO

Fermi tutti!Prima di tutto devo firmare io perché ancora non l’ho fatto. Dopo vediamo tutto il resto” precisa Marc Marquez quando gli chiedono chi sarà il suo compagno di squadra. “È vero che sto trattando con Honda per il rinnovo e tutto sta procedendo regolarmente. Le mie priorità sono rinnovare e avere una buona moto il prossimo anno”.

La Honda prima di tutto però… Dani Pedrosa non l’ha tenuto segreto: è in contatto con diversi team. Quali non è ancora dato saperlo, almeno dalle fonti ufficiali. Scegliere di cambiare non è facile, soprattutto dopo 10 anni con la stessa marca. Lo scopo del veterano Honda è sempre quello di vincere il mondiale, le nuove gomme e il software unico rallentano la corsa verso il titolo ma non è chiaro se lo ricorrerà con la solita HRC… Comunque, su Twitter, Viñales dice la sua:

Se c’erano le Brigestone… La Ducati era già vincente. In un’intervista a GPOne.com, il manager di Dovizioso, Simone Battistella, ha detto che le nuove gomme hanno costretto il team a cambiare degli aspetti della moto perché i nuovi pneumatici sono molto diversi da quelli usati fino lo scorso anno. Aver ingaggiato Lorenzo, secondo il manager, è una decisione saggia perché la Ducati vuole vincere, ingaggiando chi è un habitué delle prime piazze è una scelta logica ma non scontata.

LEGGI: 5 motivi per cui Viñales dovrebbe andare alla Yamaha e 5 per cui dovrebbe restare in Suzuki

Zarco in orbita Suzuki.  Il francese ha detto ieri che correrà la 8 ore di Suzuka con la moto di Hamamatsu. Che Zarzo punti alla MotoGP non è un segreto ma il campione del mondo in carica della Moto2 smentisce un accordo per il prossimo anno ma non perché lui non sia interessato: “Non posso dire che rimpiazzerò Viñales, anche perché lui non ha ancora deciso che cosa farà. Avrò l’opportunità di correre a Suzuka e di provare la moto durante l’estate ma niente di più. Per il 2017 è ancora tutto da vedere”. Adesso, tutto dipende da Maverick.

 Secondo la versione tedesca di motorsport.com se Pedrosa andrà in Yamaha potrebbe essere Cal Crutchlow a sostituirlo e Sam Lowes potrebbe passare in MotoGp restando col team Gresini.

AERODINAMICA

Le alette sono ormai un must per questa stagione. Questa volta è Dani Pedrosa ad attaccarle: “Con la Safety Commission ci impegniamo tanto per migliorare i circuiti, le varie protezione e poi mettiamo questa specie di coltelli sulle moto. Non mi sembra abbia molto senso”.

La Ducati è in continua evoluzione e l’ultima novità sono proprio gli spoiler che serviranno a sfruttare la massima potenza della moto fino all’ultimo millimetro concesso dal regolamento.

MOTO3

Solidarietà per il nuovo team MH6 di Maria Herrera che, dopo essere stata scaricata da LaGlisse, ha deciso di aprire un team insieme al padre e ha trovato il supporto di Marc Marquez e Alvaro Bautista. Però, il weekend della Herrera inizia con una penalità di 3 posizioni sulla griglia di domenica perché ha girato lenta in settori durante le FP1.

CURIOSITA’

Lorenzo a un passo da Nieto perché il maiorchino è a quota 138 podi e il prossimo lo eguaglierà al record della vecchia leggenda spagnola delle due ruote. “Sono molto orgoglioso di questo record – ha detto Lorenzo – soprattutto perché Angel ha ottenuto questo risultato a 40 anni”.

Angel Nieto: 90 primi posti, 35 secondi posti, 14 terzi posti

Jorge Lorenzo: 62 primi posti, 48 secondi posti, 28 terzi posti

Annunci