Come ai vecchi tempi… Sul circuito texano Marc Marquez ha dominato anche durante il terzo turno di prove. Ad inseguire lo spagnolo c’era un vecchio rivale dei tempi della Moto2, Andrea Iannone che dovrà recuperare in termini d’immagine e di risultati dopo il GP dell’Argentina. Al Gran Premio delle Americhe dovrà scontare la penalità ricevuta a Rio Hondo per un sorpasso azzardato al compagno di squadra, così, anziché partire dalla quarta, scatterà dalla settima casella. In questi giorni l’abruzzese si è mostrato sorridente e determinato per ottenere il massimo dalla gara.

Senza sorprese. Per il quarto anno consecutivo, Marc Marquez partirà dalla prima casella della pista texana davanti ai compagni di squadra Jorge Lorenzo e Valentino Rossi che hanno ridotto il loro distacco dal primo della griglia.

Coraggio da Miller. Una caduta durante il primo turno di prove libere non ha comunque fermato Jack Miller che ha continuato a girare il secondo e il terzo turno di prove nonostante il dolore. Dopo un’ulteriore accertamento è stata confermata la rottura, così l’australiano dovrà rinunciare al GP americano.

Jorge Lorenzo in Ducati, la conferma arriverà prima del Gran Premio di Jerez. Sono proprio Philip Morris e Audio, principali sponsor della rossa di Borgo Panigale, hanno chiesto di ufficializzare la notizia la prossima settimana.

Uno vale l’altro. Se Lorenzo passerà alla Ducati, il futuro compagno di squadra del Dottore potrebbe essere proprio il rookie del 2015, Maverick Viñales. Dal debutto nella classe regina, il catalano ha continuato a crescere e ad orbitare sempre in zona punti. Il podio non e’ ancora arrivato ma e’ un traguardo sempre più vicino. Per la casa di Iwata potrebbe essere importante avere un pilota giovane e talentuoso come Viñales. Rossi, già confermato per i prossimi due anni, non ha espresso preferenze sul futuro compagno di box.

Incomprensioni. Durante la sua telecronaca per Movistar+, il giornalista spagnolo Ernest Rivera ha detto che Valentino Rossi vuole schierare una propria moto sulla griglia di partenza della MotoGP. In un primo momento il team manager dello Sky Racing Team, Pablo Nieto, ha confermato l’esistenza delprogetto per poi ricorreggersi poco dopo. La notizia ha dilagato tra i siti spagnoli, ha trovato spazio anche in quelli inglesi ma non ha avuto lo stesso successo nella stampa italiana che ha riportato solo la smentita.
Durante la conferenza stampa, il pilota pesarese ha detto di essere stato contattato ma di aver rifiutato perché il team non ha le forze per affrontare la classe regina. Il giornalista spagnolo non ha però mancato di difendere la sua notizia su twitter.
È stato poi lo stesso Valentino Rossia chiarire il caos intorno alla notizia. Durante la conferenza stampa, il pilota e manager pesarese ha detto di essere stato contattato ma di aver rifiutato perché il team non ha le forze per affrontare la classe regina. Il giornalista spagnolo non ha però mancato di difendere la sua notizia su twitter.
Ducatina? Nella giornata di ieri si è parlato anche di una Ducati in Moto3 ma Ciabatti ha risposto che prima di pensare ad altri progetti bisogna far vincere la MotoGP.
Sorpresa! Le qualifiche ufficiali della classe cadetta si sono svolte sotto la pioggia. La sorpresa della giornata è la pole position di Philipp Oettl. Il tedesco ha agguantato la prima casella dello schieramento dopo cinque anni nel moto mondiale. Al centro della prima fila ci sarà lo spagnolo Jorge Navarro ed Enea Bastianini.
Guardando s’impara. Continua la crescita professionale di Nicolo Bulega, anche oltre oceano. Al suo primo appuntamento sul circuito di Austin, il novellino dello Sky Racing Team non è mai andato oltre la dodicesima posizione. Al suo terzo appuntamento col campionato del mondo, l’emiliano scatterà dall’undicesima casella.
Chiude invece la top 5, il compagno di squadra Romano Fenati mentre, il terzo pilota dello Sky Racing, Andrea Migno, si è fermato alla ventunesima posizione.
Lo spettacolo continua, il circuito australiano di Philip Island continuerà ad ospitare la MotoGP per altri dieci anni, e la SBK fino al 2017.
Annunci